eoliefreelancereport

Posts Tagged ‘isole eolie news’

EOLIE NEWS: Lipari, dopo oltre 30 anni il PRG diventa esecutivo

In cultura e società, informazione, notizie, attualità on 23 novembre 2010 at 18:02
Mappa del PRG di Lipari

Isole Eolie, Mappa del PRG approvato dell'isola di Lipari

Finalmente in vigore da oggi, 23 novembre 2010, il Piano Regolatore Generale del Comune di Lipari

Eolie, Lipari. Giornata storica per il Comune di Lipari, dopo lunghe vicissitudini il PRG è finalmente “approdato” nelle isole Eolie. La notizia è stata comunicata dal sindaco Mariano Bruno nel corso dell’odierna seduta del Consiglio Comunale; grande soddisfazione da parte del Primo Cittadino che ha visto concluso finalmente un lungo iter iniziato tanti anni fa durante la sua prima sindacatura.

Il PRG  del Comune di Lipari è dunque diventato esecutivo a tutti gli effetti di legge anche se mancano ancora il voto del Comitato Regionale Urbanistico e la firma del Decreto Assessoriale, questo perchè sono scaduti i 270 gg dalla presentazione alle autorità competenti previsti dalla normativa vigente, rimangono però ancora da definire del tutto le aree per le quali sono state presentate delle Osservazioni.

La storia: I primi approcci 34 anni fa poi, dal 1987, quando venne conferito ufficialmente l’incarico ai progettisti capeggiati dal prof. Nicola Giuliano Leone, sono passati ben 19 anni per la consegna degli elaborati avvenuta nel 2006 e seguita dall’adozione, nel 2007, da parte dell’allora Commissario Regionale alla guida del Comune di Lipari, Giuseppe Traina.

Il nuovo strumento urbanistico disciplina le attività edificatorie nel territorio del Comune di Lipari che comprende anche le altre isole dell’arcipelago eoliano ad eccezione dell’isola di Salina, autonoma dal punto di vista amministrativo.
Va quindi in pensione il vecchio PDF, Programma di Fabbricazione, che per 34 anni è stato lo strumento urbanistico vigente in attesa della definizione del Piano Regolatore Generale.

Poche comunque le novità, tanto tempo è passato dall’impostazione di questo strumento che comunque fin dalle premesse non è stato adeguatamente supportato da un serio, condiviso e lungimirante Piano Generale di Sviluppo, essenziale per una corretta e realistica programmazione economica ed urbanistica, troppo spazio, inoltre, è stato lasciato alle scelte improvvisate e legate agli interessi personali e di parte a scapito del benessere collettivo.

Altri fatti e strumenti di pianificazione territoriale ed ambientale sono poi nel frattempo intervenuti, primo fra tutti il PTP, Piano Territoriale Paesistico, redatto ed approvato dalla Regione Sicilia a salvaguardia delle risorse naturalistiche, ambientali, paesaggistiche e vulcanologiche del territorio delle isole Eolie, di iniziativa regionale anche l’istituzione delle Riserve in tutte le isole Eolie, infine l’inserimento delle Eolie nella Heritage-List dell’Unesco come Patrimonio Mondiale dell’Umanità, tutte situazioni queste, alle quali il redigendo PRG si è dovuto necessariamente adeguare pedissequamente sia per priorità gerarchiche sia per mancanza di proprie valide e specifiche prerogative sostanziali.

Rimane tuttavia l’indubbio vantaggio, oltre l’aver ottemperato agli obblighi di legge, di avere a disposizione lo strumento urbanistico per eccellenza ai fini dell’amministrazione e controllo del territorio comunale e di poter contare su un valido punto di riferimento e di partenza per gli attuali e futuri approfondimenti, studi e piani di dettaglio nei singoli settori, quali la portualità, i trasporti, i servizi, le aree per attività produttive, lo sviluppo turistico.

Annunci

EOLIE NEWS: EOLIE ISOLATE PER IL MALTEMPO?

In informazione, notizie, attualità, trasporti marittimi on 19 ottobre 2010 at 21:37

Sembrerebbe proprio di no, ovvero il maltempo non sarebbe l’unica causa  del blocco del naviglio di linea nel porto di Milazzo oggi 19 ottobre.

Di pioggia sulle Eolie in questi giorni ne è caduta e continua a caderne tanta, dopo mesi di siccità… ci voleva e, tranne qualche piccola frana e dilavamenti di sabbia di pomice in alcuni ex torrenti, dovuti soprattutto all’incuria ed alla cronica mancanza di manutenzione del territorio, i danni tuttavia sono al momento di limitata entità.

Però la pioggia non influisce sul regolare funzionamento dei trasporti marittimi;  il vento invece sì, ma di vento oggi  non ce n’è stato poi così tanto, certamente di forza ed intensità inferiore, per fortuna, a quanto previsto dai bollettini meteo di queste ore e sicuramente non tale da giustificare il fermo totale nei porti di navi ed aliscafi per tutta la giornata con notevoli disagi per turisti e residenti delle isole.

Per la cronaca la giornata odierna è iniziata con vento da ovest-nord-ovest, intensità 20 nodi c.a, che ha comunque consentito alla nave-traghetto Antonello da Messina della Siremar di partire da Lipari alle 6,30 per Milazzo, dopo questa, tutte le altre corse di aliscafi e navi di tutte le società di Navigazione, Siremar – Ustica Lines – NGI, sono state soppresse causa “avverse condizioni meteo” nonostante il vento calasse poi progressivamente di intensità e le operazioni di attracco nelle isole fossero assolutamente agevoli e sicure, almeno nei porti di Lipari e Vulcano, data la loro posizione completamente ridossata dai venti di ponente.

L’isolamento tuttavia è stato interrotto nel pomeriggio alle 16,50 con l’arrivo a Lipari della piccola motonave Eolian Star della Tarnav che ha consentito il rientro a Lipari da Milazzo di un centinaio di isolani e la partenza per la città mamertina di altrettanti turisti italiani e stranieri che dovevano raggiungere inderogabilmente in serata i vari aeroporti siciliani per il ritorno a casa.

Ancora una volta un vettore privato, senza sovvenzioni statali o regionali, con imbarcazioni di limitate dimensioni e stazza, in condizioni meteo definite “avverse”, è riuscito ad operare in sicurezza ed a costi  concorrenziali laddove il più dotato naviglio di stato e/o privato-sovvenzionato ha mancato al suo compito di pubblico servizio.

Misteriose ed incomprensibili sono inoltre le ragioni di queste soste forzate dei trasporti pubblici marittimi, certamente non giustificabili dallo scarso numero di passeggeri in bassa stagione o situazioni particolari, dato che il servizio è in ogni caso retribuito.

Sono forse manchevolezze tecniche e/o manutentive dei mezzi, stress del personale di bordo, o piuttosto le ragioni vanno cercate nell’eccessivo carico di responsabilità da parte delle Autorità Marittime e degli armatori nei confronti dei comandanti e degli equipaggi in caso di difficili od incerte situazioni meteo?

Eoliereporter

EOLIE NEWS – Anche alle Eolie i referendum per l’acqua

In ambiente e natura, informazione, notizie, attualità on 17 aprile 2010 at 08:24

Tre referendum per l’acqua pubblica

Il 24 Aprile parte in tutta Italia la raccolta firme

Il Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua, costituito da centinaia di comitati territoriali che si oppongono alla privatizzazione, insieme a numerose realtà sociali e culturali ha deciso di promuovere 3 quesiti referendari, depositati presso la Corte di Cassazione di Roma mercoledì 31 marzo 2010. Sosterranno tale iniziativa anche diverse forze politiche.

A partire dal sabato 24 aprile inizieremo la raccolta delle firme, in tre mesi dovremo arrivare almeno a quota 500.000 per poter richiedere i referendum. I banchetti per la raccolta delle firme saranno allestiti su tutto il territorio nazionale.

Sinistra Ecologia e Libertà e Rifondazione Comunista sostengono la campagna referendaria promossa dal Forum, e allestiranno due banchetti per la raccolta firme a Lipari:

Sabato 8 Maggio dalle ore 18.00 alle ore 20.30 Via Vittorio Emanuele
Domenica 9 Maggio dalle ore 10.00 alle ore 12.30 Piazza Ugo di Sant’Onofrio (Marina Corta)

I tre quesiti vogliono abrogare la vergognosa legge approvata dall’attuale governo lnel novembre 2009 e le norme approvate da altri governi in passato che andavano nella stessa direzione, quella di considerare l’acqua una merce e la sua gestione finalizzata a produrre profitti.

Dal punto di vista normativo, l’approvazione dei tre quesiti rimanderà, per l’affidamento del servizio idrico integrato, al vigente art. 114 del Decreto Legislativo n. 267/2000.

Tale articolo prevede il ricorso alle aziende speciali o, in ogni caso, ad enti di diritto pubblico che qualificano il servizio idrico come strutturalmente e funzionalmente “privo di rilevanza economica”, servizio di interesse generale e privo di profitti nella sua erogazione.

Verrebbero poste le premesse migliori per l’approvazione della legge d’iniziativa popolare, già consegnata al Parlamento nel 2007 dal Forum italiano dei movimenti per l’acqua, corredata da oltre 400.000 firme di cittadini. E si riaprirebbe sui territori la discussione e il confronto sulla rifondazione di un nuovo modello di pubblico, che può definirsi tale solo se costruito sulla democrazia partecipativa, il controllo democratico e la partecipazione diretta dei lavoratori, dei cittadini e delle comunità locali.

Vogliamo togliere l’acqua dal mercato e i profitti dall’acqua.

Vogliamo restituire questo bene comune alla gestione condivisa dei territori.

Per garantirne l’accesso a tutte e tutti. Per tutelarlo come bene collettivo.

Per conservarlo per le future generazioni.

Perchè tre referendum sull’acqua

Il costituendo Comitato Promotore

I referenti territoriali della campagna referendaria

I materiali per la raccolta firme

Leggi la relazione introduttiva e i tre quesiti referendari

Si scrive acqua ma si legge democrazia

INFO: www.acquabenecomune.org

EOLIE NEWS – EOLIEWEB, IL MEGLIO DELLE EOLIE IN INTERNET

In Arte, informazione, notizie, attualità, Turismo e Viaggi, Turismo Isole Eolie on 9 aprile 2010 at 23:17

Eolieweb.com, rassegna di siti web selezionati con recensioni, report e news.

E’ stato pubblicato in questi giorni sul Web un nuovo sito che ha per argomento principale la pubblicizzazione di quanto di pregevole, originale ed interessante si può trovare in Internet nell’ambito delle Isole Eolie e non solo.

Organizzato in categorie, il sito raccoglie, analizza, illustra e commenta le migliori risorse on line di vari settori quali il Turismo, l’Informazione, la Comunicazione, l’Arte e la Cultura,  la Natura e l’Ambiente, i Viaggi ed i Reportage….

La grafica è piacevole, estrosa ma lineare ed efficace, la costruzione è semplice, razionale e precisa (Validazione W3C), la navigazione facile e veloce, i contenuti attraenti e ben trattati anche se ancora quantitativamente limitati ma certamente suscettibili di sviluppo.

Il link  –  http://www.eolieweb.com/

LIPARI ISOLE EOLIE – NEWS E COMMENTI, I TURISTI SCRIVONO…

In cultura e società, informazione, notizie, attualità, Turismo Isole Eolie on 9 agosto 2009 at 12:02

Avventure, disavventure, esperienze di vacanza alle isole Eolie, suggerimenti, critiche, proposte, idee ….dai visitatori dell’Arcipelago delle Eolie un contributo per un turismo più consapevole ed ospitale.

Scrivi il tuo commento, aiutaci a crescere…

ISOLE EOLIE: MOBILITAZIONE GENERALE PER I TRASPORTI MARITTIMI.

In informazione, notizie, attualità, trasporti marittimi on 9 gennaio 2009 at 17:16

ISOLE EOLIE NEWS: LIPARI, SIREMAR – OCCUPATA LA NAVE  “LAURANA”. TRASPORTI, LINEA DURA E CONFRONTO APERTO.

Isole Eolie, Lipari: Dopo il grande corteo di ieri 8 gennaio, la mobilitazione generale continua sulla Motonave Laurana della Siremar ormeggiata al porto di Sottomonastero ed occupata dalla popolazione riunita in Assemblea permanente unitamente al Consiglio Comunale ed al Comitato di Protesta. Non hanno assolutamente convinto le rassicurazioni e le promesse del Ministro Matteoli, che nulla di nuovo hanno aggiunto a quanto già precedentemente stabilito e disatteso poi nella realtà pratica dei fatti, parole e parole e….niente soldi ed impegni seri e definitivi sulla stabilizzazione regionale (e non solo) della Siremar.

Unica novità, se così si può chiamare, l’impegno per il recupero dei 46 milioni di euro necessari per il mantenimento annuale degli attuali servizi, peraltro insufficienti, mediante lo storno della suddetta somma da altri importanti settori dell’economia regionale. La solita logica tampone che non affronta la soluzione della questione ma rimedia in qualche modo oggi e rimanda a domani…

Ma le cose stanno cambiando, anche se lentamente e faticosamente, stiamo tutti cercando di scrollarci di dosso questa cappa plumbea di opprimente ipocrisia ed incapacità a risolvere in modo reale, efficiente e costruttivo i piccoli e grandi problemi politici, economici e sociali del nostro Paese.

Le Isole Eolie, assieme alle altre Isole Minori siciliane, non ne possono più di sopportare il quotidiano elemosinare nelle anticamere  dei propri ed altrui Onorevoli quanto necessario alla propria sopravvivenza e sviluppo. Il malcontento a Lipari  è arrivato ormai a livelli profondi, lo sfascio di precari equilibri politico-istituzionali incomincia a travolgere con un effetto domino le varie componenti di maggioranza del Consiglio Comunale e dell’Amministrazione Comunale.

Accese, anzi infuocate, polemiche sfociano in dichiarate rotture con conseguenti defezioni dalla compagine di governo locale; precisazioni, distinguo e preavvisi liberatorii aggiungono oggi nuova incertezza al futuro politico – amministrativo liparese, la Questione Siremar è ormai… Crisi aperta!

Il Fronte della Protesta è ampio,  nelle Egadi, Ustica e Pantelleria  le popolazioni locali stanno attuando collettive e pubbliche  manifestazioni, altre navi sono state occupate anche con il coinvolgimento attivo delle locali Amministrazioni Comunali ed il comune proposito è resistere fino al raggiungimento degli obiettivi fissati con accordi scritti e coperture finanziarie adeguate.

Cambiare si può, cambiare si deve!

AUGURI… ISOLE EOLIE!

In cultura e società, informazione, notizie, attualità on 31 dicembre 2008 at 22:32

Da Eoliefreelancereport,  l’augurio più sentito: Isole Eolie, Eoliani, Amici di tutto il Mondo….che il Nuovo Anno ci renda sempre più…F R E E L A N C E !!

TRASPORTI EOLIE – SIREMAR, NO GRAZIE!

In cultura e società, informazione, notizie, attualità, trasporti marittimi, Turismo Isole Eolie on 26 dicembre 2008 at 22:14

ISOLE EOLIE, SEMPRE PIU’ ISOLATE ED…AMBITE?

Dal 15 gennaio 2009 le Isole Eolie saranno forse le isole più “isolate” del mar Tirreno, verranno infatti interrotti i collegamenti marittimi a mezzo navi ed aliscafi della Siremar, appartenente al gruppo Tirrenia, in “liquidazione” da parte dello Stato attraverso una privatizzazione per nulla appetibile sul mercato del cabotaggio marittimo.
Nessuno, compresa la Regione Sicilia, intende accollarsi l’onere di mantenere in esercizio questa Società di Navigazione che finora ha provveduto ai collegamenti marittimi con le Isole Minori siciliane assolvendo anche al compito, costituzionalmente sancito, di assicurarne la continuità territoriale con il resto della Nazione.
Lunghe ed estenuanti trattative con l’Unione Europea hanno consentito di ottenere una proroga di un anno per concludere il processo di privatizzazione, cioè di uscita dello Stato (con relative sovvenzioni) dalla compagine societaria Tirrenia, in ottemperanza alle direttive CEE in merito alle nuove norme in materia di libero mercato.

La proroga però, non è in realtà il vero nocciolo della questione; infatti la paventata interruzione del servizio dal 15 di gennaio sembra sia dovuta al mancato stanziamento dei fondi necessari per l’effettuazione dello stesso.

Non ci sono i soldi!  Come sempre è la solita minestra, ormai diventata indigesta, somministrata dalla classe politica nazionale e regionale.

Fiumi di parole, delicatissimi quanto precari equilibri politici ed istituzionali, interventi prestigiosi ed autorevoli di Onorevoli Deputati e Senatori, accordi miracolosamente raggiunti nelle Commissioni Parlamentari anche con espedienti da saltinbanco, assicurazioni alle varie popolazioni interessate, …..tutto sembrava risolto!!…..alla fine.. non ci sono i soldi!!

A questo punto c’è da chiedersi se veramente questa realtà socio-politica meriti di essere ancora considerata.

Ma forse “non tutto il mal vien per nuocere” e considerato che abbiamo sempre auspicato un turismo di qualità e non di massa, perchè non proviamo a trasformare i tagli in risorse, il negativo in positivo, magari pubblicizzando le Isole Eolie come mete ancor più ambite anche perchè “beatamente isolate” e difficilmente  raggiungibili mentre nel contempo ci organizziamo meglio caratterizzando e potenziando l’offerta turistica ed approntando trasporti alternativi anche personalizzati?

Nei Paradisi Naturali sparsi nel mondo – e le Isole Eolie ancora lo sono – collegamenti marittimi anche solo bisettimanali sono la normalità!

Ma nel “Paradiso Eolie” non ci sono solo i turisti con le loro esigenze, bensì anche una consistente popolazione locale, sparsa in sette isole, alcune molto distanti dall’isola principale Lipari, che quotidianamente devono soddisfare le normali esigenze della vita di relazione e delle attività lavorative. Studenti che devono giornalmente raggiungere le scuole secondarie a Lipari e Milazzo, insegnanti, impiegati, professionisti, lavoratori di tutti i settori che devono spostarsi nelle Isole e fuori dalle isole, i giornali, i documenti e le merci che devono quotidianamente arrivare…..

Per tutte queste esigenze ci vuole una “flotta” di navi ed aliscafi, non 2 traghetti e pochi e contati mezzi veloci costretti ad un tour de force quotidiano, senza pause per la normale manutenzione e con equipaggi al limite dello stress operativo!

E per giunta ora si vuole “tagliare” anche questo?

DALLE EOLIE IN BOLIVIA, REPORT E FOTO.

In informazione, Turismo e Viaggi, viaggi ed avventure nel mondo on 26 dicembre 2008 at 18:48

EOLIE FREELANCE REPORTER IN BOLIVIA.

Pubblicato su Isole Eolie Freelance.com il Foto-Report sulla Bolivia.

Sponde del lago Titicaca, nella baia di Copacabana (famosa l’omonima spiaggia di Rio de Janeiro), il villaggio è sito in posizione strategica sull’itinerario che dalla capitale La Paz conduce a Cuzco in Perù. Copacabana è rinomata per la sue Fiestas ed è la base per le escursioni alle Islas del Sol e della Luna. Continuando il viaggio verso sud si arriva a Potosì, sugli Altipiani Centrali.
Potosì è la città più alta del mondo (4090 m) ed è famosa per i suoi giacimenti d’argento che ne hanno fatto la città coloniale più grande, ricca ed importante dell’America Latina alla fine del Settecento. Chiese, Monumenti e Palazzi in stile Barocco – Mestizo testimoniano il passato Indio/Spagnolo di questo centro boliviano che l’Unesco ha dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel 1987.

Il reportage continua con Uyuni ed il suo fantastico altopiano salato (12.106 kmq a 3653 m di altitudine). Un’atmosfera quasi irreale avvolge questo deserto d’alta quota sferzato dai venti gelidi durante la stagione fredda, più ospitale con il clima mite dell’estate. Qui il Sale è l’indiscusso protagonista, tanto che anche il modesto Hotel locale è costruito rigorosamente con blocchi di sale così come panche e tavoli dell’annesso “ristorante” all’aperto.

Il sottile velo d’acqua che rimane in superficie dopo la stagione delle piogge crea stupendi effetti cromatici riflettendo come un’immenso specchio il cielo, le nuvole, le cose…

Il Salar de Uyuni avrebbe meritato l’immagine di chiusura del report.…se non fosse sorto poco dopo un doppio arcobaleno!

LIPARI, ORA ANCHE I CANI ABBANDONATI HANNO UN SITO INTERNET.

In ambiente e natura, cultura e società, informazione, notizie, attualità on 23 dicembre 2008 at 18:51

Lipari, Isole Eolie. E’ nato www.Eoloa4zampe.com il sito web che l’Associazione Onlus Eolo a 4 Zampe ha pubblicato in rete in questi giorni.

Giorgia Sipione è la Webmaster del nuovo sito nel quale vengono illustrate e descritte le strutture e le attività svolte dai volontari dell’Associazione che da anni si prodigano, tra mille difficoltà ed incomprensioni, nel Canile Rifugio di Vallone Bianco.

Abbiamo così l’opportunità di conoscere anche gli ospiti a quattro zampe che vengono giornalmente accuditi e sfamati grazie all’Associazione, con l’aiuto di pochi volonterosi e le scarse risorse a disposizione; 21 cani, belli ed affettuosi, fotografati singolarmente ed in gruppo, hanno per il momento trovato una “casa” in attesa di essere magari poi accolti in altrettante famiglie e ricambiare l’ospitalità con la loro grande affettuosità. Si può anche adottarne uno a distanza, se non si ha la possibilità di tenerlo vicino lo si può andare poi a trovare anche ogni tanto, si può semplicemente contribuire al suo mantenimento…..

Il Rifugio del Cane, così chiamerei la struttura di Vallone Bianco, necessita infatti di grande impegno umano e finanziario e tutti noi isolani dovremmo dare un aiuto, ognuno per come e quanto possibile, per la sopravvivenza e la gestione di questa importante iniziativa che cerca anche di assolvere il difficile compito di controllare e limitare il fenomeno del Randagismo ponendo in qualche modo rimedio all’indifferenza, alla crudeltà ed irresponsabilità di tanti “individui” che gettano sulla strada(ed anche peggio) al loro ma anche nostro destino, mamme e cuccioli ed ex “amici”…. scomodi.

E’ facile, molto facile, lamentarsi e prendersela poi con i “cuccioli abbandonati e cresciuti” che privi dell’educazione e del sostentamento che avrebbero dovuto ricevere, finiscono per agire semplicemente secondo la loro natura; dovremmo semmai prendercela con il nostro egoismo, la nostra aridità ed incultura che pretende dagli animali il rispetto e la “civiltà” che noi stessi troppo spesso non abbiamo.