eoliefreelancereport

Archive for dicembre 2009|Monthly archive page

EOLIE NEWS – LIPARI, CAPODANNO ALLE EOLIE

In cultura e società, informazione, notizie, attualità, Turismo Isole Eolie on 31 dicembre 2009 at 23:56

Lipari, l'ultimo tramonto 2009

Eolie - Lipari, dall'agriturismo La dolce vita, l'ultimo tramonto del 2009

31 dicembre 2009. Oggi a Lipari tempo fantastico,  lo scirocco caldo faceva pensare alla primavera,  visibilità eccezionale, dalle terrazze dell’agriturismo La dolce vita, a ponente, in alto, sopra la scogliera di Vallemuria, la Sicilia, l’Etna, Filicudi ed Alicudi apparivano ad un tiro di schioppo; verso sera abbiamo scattato la foto d’apertura: tramonto e crepuscolo da cartolina, calma piatta di vento,  mare che sembrava un grande specchio, in cielo nuvole sottili, distese, allungate, provenienti da libeccio, premonitrici di vento. Questa notte infatti dopo i botti ed i fuochi d’artificio, il vento comincierà a soffiare, da libeccio e ponente, sempre più teso, fino a burrasca e si porterà via ..il 2009. Dopo la calma, la burrasca…..è proprio un Capodanno da Eolie..Auguri!!

Annunci

EOLIE – LIPARI NEWS: MIRACULA IN VITRO. Mostra di pitture su vetro.

In cultura e società, informazione, notizie, attualità on 18 dicembre 2009 at 09:58

MIRACULA IN VITRO, mostra di pitture su vetro dal sec. XVIII al XIX

collezione Bernabò Brea – Cavalier

dal 19 dic. 2009 al 18 apr. 2010

chiesa di S. Caterina, museo archeologico eoliano L. Bernabò Brea a Lipari

Lipari, Miracula in vitro, Mostra di pitture su vetro.

Box info

Sabato 19 dicembre:

Inaugurazione ore 18.00 – Chiesa di Santa Caterina

Ore 19.00 Concerto di Natale – Chiesa dell’Immacolata

Orchestra Filarmonica di Palermo

Musiche di A. Vivaldi; G. Angileri

Soprano Tullia Bellelli

Direttore Antonio Bono

Orari:

lunedì/sabato: 9.00 13.30/15.00 19.00

domenica: 9.00/ 13.30

ingresso gratuito

contatti museo: +39 090 9880174

museo.arche.brea@regione.sicilia.it

Avrà luogo sabato 19 dicembre, alle ore 18.00, la vernice della mostra Miracula in Vitro, presso la Chiesa di Santa Caterina a Lipari.

La raccolta di dipinti su vetro della Collezione Bernabò Brea – Cavalier, (collocati quasi tutti entro cornici a guantiera meccata ad argento e/o oro), documento preziosissimo della cultura pittorica dell’800 meridionale (campano, pugliese, siciliano), oggetto di accurati studi da parte di studiosi di letteratura, folklore e antropologia, viene oggi finalmente, per volere del Museo Archeologico Regionale Eoliano, e del suo attuale direttore Arch. Michele Benfari, comunicata e aperta al pubblico.

Gran parte delle opere in mostra proviene da botteghe meridionali, secondo la produzione che si inquadra in quella che viene denominata la pittura devozionale e che Buttita chiama “pincisanti”.

Tale patrimonio figurativo popolare meridionale, composta da pitture riferentesi all’iconografia mariana e devozionale nella loro entità numinosa, ha luogo volutamente proprio nel periodo natalizio, periodo nel quale l’arcipelago Eoliano è attraversato da un turismo meno massivo, più colto e attento alle nuove istanze culturali proposte.

L’organizzazione generale dell’evento è della Chelandia srl di Palermo.

Allestimento, comunicazione, apparato didascalico, grafica coordinata, sono dedicati.

L’esposizione è inoltre corredata da un catalogo d’arte che ha al suo interno interventi di studiosi illustri tra i quali Sergio Todesco e Madeleine Cavalier.

Il direttore Benfari dice dell’evento:

«Uscire fuori. Allargare la percezione del proprio spazio, estendere il raggio d’azione. Trasformare il contenitore museale in spazio creativo per ospiti multidisciplinari: è questo l’obiettivo che oggi si propone il Museo Archeologico Regionale Luigi Bernabò Brea.

Arte e cultura si fondono in un paesaggio comune e divengono filo rosso della progettualità museale. Idee fluide che pervadono i confini del contenitore spandendosi dentro, fuori, ovunque possa correre l’immaginazione e la creatività. Con Miracula in Vitro il Museo decide di comunicare se stesso con una collezione che, anche se non è la principale, è di certo assai interessante perché frutto della passione e della tenacia che hanno contraddistinto l’azione dell’anima storica del museo Luigi Bernabò Brea»